Le zucche di Halloween
Come sentirsi stupidi ma felici a trent'anni
abietto :: Mon 27|10|03 ::
Ce l'ho fatta. Non solo sono riuscito a trovare delle zucche di Halloween adatte all'occasione, ma sono persino riuscito a realizzarne una con poco sforzo e con risultati più che soddisfacenti. Direi che tutto ciò merita di essere immortalato in un articolo.

Innanzitutto, sappiate che sia all'Ortomercato di Milano sia nei supermercati della catena UNES si trovano zucche di Halloween ottime per la bisogna e a costi ragionevoli: io ho acquistato la zucca che vedrete in questo articolo e un'altra ancora più bella, con la forma tondeggiante tipica delle lanterne cacciastreghe, di notevoli dimensioni, per un totale di 12 €. Considerato che potrete conservare i semi per seccarli e mangiarvi le semenzine o usare la polpa per fare dolci o tortelli, mi sembra che sia un affare niente male. Ma passiamo alle cose serie:

La preparazione
Per preparare una zucca di Halloween come si deve avrete bisogno delle seguenti cose:
Abbiamo tutti gli strumenti: siamo pronti all'impegno.
  1. Una zucca arancione panciuta
  2. Un coltello ben affilato e aguzzo, possibilmente dalla lama lunga. Un normale coltello da carne può andar bene, se la scorza della zucca non è eccessivamente dura.
  3. Un grosso cucchiaio o, ancora meglio, lo scovolino con la leva per fare le palline di gelato.
  4. Degli spilli o delle forbicine con le punte aguzze e sottili.
  5. Un foglio di carta.
  6. Un pennarello nero.
  7. Una candela.

Una volta che avrete tutto l'armamentario pronto, potrete passare alla lavorazione vera e propria.

Fase 1: tagliare la testa
Ecco l'esperto collaboratore di ASN mentre si accinge a tagliareTagliate una sezione della zuccha tutt'attorno al picciolo. Diciamo che se fosse un mappamondo, dovreste tagliare attorno al circolo polare artico. È importante che il taglio sia in diagonale, perché così poi sarà molto più semplice riuscire a estrarre il "tappo" per poter svuotare la zucca e, una volta terminata la lanterna, inserire la candela.

Il tappo è stato tagliato. Vediamo l'interno della zucca.


Fase 2: svuotare l'interno
Dettaglio dell'interno della zucca.Svuotare l'interno della zucca è la parte più complicata e faticosa, soprattutto se, come in questo caso, si tratta di una zucca oblunga e alta, per cui è più difficile scavare il fondo. L'interno è particolarmente fibroso, viscido e ricco di semi (le famose "semenzine"). Con un cucchiaio lungo è possibile riuscire ad arrivare a scavare anche il fondo. La cosa importante da ricordare è che non è sufficiente cercare di togliere i semi e le fibre, ma è consigliabile raschiare leggermente le pareti, in modo che risultino pulite ma ancora morbide e umide. Questo farà sì che non dovremo preoccuparci di lasciare una candela accesa all'interno della zucca anche per diverse ore.
Svuotare la zucca è un'attività faticosa ma gratificante, soprattutto per gli aspiranti chirurghi.A quanto ne so, esistono diversi tipi di zucche arancioni con un contenuto piuttosto differente: se siete fortunati trovate un interno simile a quello mostrato nelle foto, con poca polpa e pochi semi, se siete sfortunati, invece, potete trovare l'interno completamente pieno e la procedura di svuotamento può richiedere parecchio tempo. In ogni caso, appena l'interno della zucca sarà bello liscio e cavo, potremo procedere alle fasi successive della lavorazione.

Fase 3: design
La fase creativa.Ora bisogna decidere che tipo di "volto" dare alla zucca. La cosa migliore, per quanto ho potuto vedere, è procedere in due modi: o disegnare con una matita direttamente sulla superficie esterna della zucca facendo dei tentativi, o disegnare vari design su un foglio, decidendo in seguito quale applicare. Per l'esempio qui esposto abbiamo scelto la seconda via (consigliata anche da Tom di Extreme Pumpkins, un vero maestro nel campo). Abbiamo dunque disegnato varie facce e poi abbiamo scelto uno dei disegni e lo abbiamo avvolto attorno alla superficie della zucca, nel punto che sembrava più liscio.
Buchiamo il foglio e la zuccaUna volta fatto questo, prendendo degli spilli lunghi o delle forbicine con la punta sottile e acuminata, potremo fare dei buchi attraverso il foglio di carta e nella superficie della zucca in modo da creare dei punti di riferimento per i tagli successivi e, in questo modo, riprodurre con una ragionevole precisione il disegno originale. Poi togliamo il foglio e guardiamo il risultato:

Ecco i buchi che faranno da punti di riferimento per dare forma alla faccia della zucca.


Fase 4: la faccia della zucca
Ecco il risultato finale dopo aver fatto i tagli.A questo punto ciò che rimane da fare è molto poco e molto semplice: riprendendo in mano il lungo coltello acuminato e, possibilmente, con la lama seghettata (in modo da poter tagliare la dura scorza della zucca più rapidamente) dovremo collegare i punti di riferimento riproducendo il disegno della faccia, un po' come si fa nella "pista cifrata" della Settimana Enigmistica. Il risultato è assicurato.

Fase 5: la candela
L'ombra della strega...Prendete una candela bassa (altrimenti la bocca non verrà molto illuminata, dato che è più in basso e all'altezza della "base"), possibilmente una di quelle mangiafumo contenute in una vaschetta. Potete metterla all'interno della zucca infilandola dall'alto, quindi potrete richiudere tranquillamente la zucca rimettendo il tappo al suo posto. Per accendere la candela, accendete un foglio di carta arrotolato e infilatelo nella bocca della zucca fino a dare fuoco allo stoppino. Non rimane che dare un'occhiata al risultato finale e poi mettere la lanterna cacciastreghe in un punto in cui sia visibile dai vostri vicini, magari su un balcone che dà sulla strada o su una finestra che dà sul cortile interno del vostro palazzo. Ora sì che potrete dormire sonni tranquilli!

Potrete sempre utilizzare i pezzi tagliati per qualche scherzetto o per uno spuntino!


That's all, folks! Buon Halloween!
Location: Home :: articoli :: halloween.php
Questo sito è stato realizzato usando WordPad, NotePad, DreamWeaver, Photoshop, pgcd, NewsPro, phpBB, 7 fogli di carta, 1 matita, quattro computer, 378 Pall Mall rosse, svariate decine di tazze di caffé con zucchero e latte, WinAmp, Google e la collaborazione di un tot di gente. Questo sito non è un sito giornalistico e non ha alcuno scopo di lucro. Le opinioni dei singoli redattori non riflettono necessariamente l'opinione della redazione nel suo insieme o del sottoscritto. Tutto il materiale qui inserito (a parte le citazioni o i riferimenti ad altre opere) è da considerarsi di proprietà degli autori. Potete utilizzare tutto quello che volete, ma per favore, citate la fonte e mettete un link ad ASN. Che la Forza sia con voi.